Dimensioni dell'Identità sociale

La caduta del Muro di Berlino avvenuta nel 1989 e altri eventi politici successivi hanno ridisegnato geopoliticamente molte parti dell’Europa, dove è emersa o riemersa una consapevolezza non solo delle specifici¬tà nazionali ma, in modo particolare, del forte legame con le origini lo¬cali/regionali. Questo nuovo senso di appartenenza locale/regionale può costituire anche una risposta alla crescente globalizzazione e alla costituzione dell’Unione Europea, che possono far nascere la paura di perdere la propria identità originaria: “le merci si globalizzano, le genti si tribalizzano”. Nel volume vengono analizzate e comparate le forme dell’identità regio¬nale e nazionale, e le relative tecniche di misurazione. Segue poi l’esa¬me delle relazioni esistenti tra il Modello della deprivazione relativa e la Teoria dell’identità sociale. Viene trattato, inoltre, il tema che riguarda l’identità sociale e la comunicazione in rete e, in particolare, il ruolo rile¬vante della comunicazione mediata dal computer. Infine, viene presenta¬ta una ricerca empirica nella quale sono prese in considerazione la Teoria dell’identità sociale e quella della deprivazione relativa come strumenti per la comprensione delle strategie comportamentali.

di Massimo  Martini

Massimo Martini ha insegnato nelle Università di Firenze e di Cagliari. Attualmente è Professore ordinario di Psicologia Sociale nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Verona.

Dimensioni
dell'Identità sociale

Caratteristiche Tipografiche

Pagine 124
Formato 14x21
Rilegatura Cucita
   

Edizione Italiana

Ultima Edizione Stampa  2011
Anno 2011
ISBN 978-88-6464-008-2