Na olta col core

Che bei tempi quando chi tentava di parlare in italiano era considerato uno spaccone! […] Il dialetto è come una mamma: sia nelle poesie della presente raccolta sia in alcuni detti […] la migliore traduzione in italiano risulta sempre meno sintetica, più abbondante di vocaboli e meno specifica nel senso. […] “Te gheto insegnà?” (hai fatto il segno della croce?) tradotto in italiano fa pensare al semplice segno della croce, mentre la profondità del dialetto rimanda ad una sorta di “auto insegnamento”, ovvero di una riconferma nella fede incoraggiata da un’entità superiore, più antica e più sacra.

di Orio  Grazia

Orio Grazia, classe 1961, è particolarmente legato al suo paese natale, Monteforte d’Alpone, dove ha continuato a vivere anche dopo il matrimonio con la moglie Luisa e la nascita delle figlie Francesca e Anna. Piuttosto idealista e sognatore senza frontiere, ha sempre cercato di mantenersi libero da ideologie e pregiudizi, adottando una filosofia di vita semplice e rispettosa di tutti. Conseguita la laurea in Lettere presso l’Università degli Studi di Padova, ha abbandonato l’iniziale carriera di amministrativo nella scuola pubblica per intraprendervi quella di docente. Crede nella forza della comunicazione e si proclama pacifista convinto. Le sue certezze hanno vacillato per le conseguenze dell’alluvione che ha dato spunto alla presente opera. Da sempre appassionato di storia e cultura locali, ha scritto alcuni articoli sul suo paese, tra la serietà della ricerca storica e la curiosità per il costume locale.

Na olta col core

Caratteristiche Tipografiche

Pagine 72
Formato 14x21
Rilegatura Brossura
   

Edizione Italiana

Ultima Edizione Stampa  
Anno 2015
ISBN 9788864643427