• -6%
    Apprendimento cooperativo in contesti CLIL di Caceffo, Milani, Petre - Una guida che vuol aiutare gli insegnanti di diversi ordini di scuola a realizzare contesti CLIL nei quali gli studenti sperimentino il valore della cooperazione che si sostanzia nell’assunzione di responsabilità individuale e condivisa.
    (0)

    Apprendimento cooperativo in contesti CLIL Cooperative Learning in CLIL Contexts

    di Serena Caceffo, Marta Milani, Julieta Petre

    Le scuole oggi sono sempre più realtà multiculturali in cui si vive l’incontro/scontro di differenze. Educare i giovani ad imparare a “vivere assieme” è una sfida irrinunciabile. A tal fine, è opportuno investire sullo sviluppo integrale di ognuno promuovendo multiple intelligenze. Siamo convinte che l’intelligenza linguistica abbia un ruolo precipuo per favorire un’autentica integrazione sociale. Ecco allora il valore di una guida che vuol aiutare gli insegnanti di diversi ordini di scuola a realizzare contesti CLIL nei quali gli studenti sperimentino il valore della cooperazione che si sostanzia nell’assunzione di responsabilità individuale e condivisa. Il testo, per la sua struttura e per i suoi contenuti, si rivolge a insegnanti, educatori, giovani ricercatori e studenti universitari.

    ———————————————-

    Nowadays we experience diversity on daily basis because schools are increasingly becoming more and more multicultural. Educating young people to learn how to ‘live together’ is an essential challenge. Therefore, it is appropriate to develop integral personalities promoting the Multiple Intelligences. We are convinced that linguistic intelligence has a primary role to foster genuine social integration. Here is the aim of a guide which helps teachers to implement CLIL contexts in which students will experience the value of cooperation by taking individual and shared responsibility. The book, by its structure and contents, aims at teachers, educators, researchers and university students.

    13,70
  • -6%
    (0)

    Cheese! Immagini da una classe

    di Silvia Marceglia

    Se per alcuni le differenze sono qualcosa di positivo che arricchisce e rende speciali, per altri rappresentano una nota stonata, o peggio, un barriera che impedisce di vivere in armonia con gli altri. In questi dodici racconti, pensati per i ragazzi e le ragazze della scuola secondaria di primo grado, i protagonisti sono alunni che per vari motivi – cultura, religione, genere, aspetto fisico, situazione economica, o anche semplicemente per il possedere o meno un telefonino – sono alle prese con un “non essere come gli altri”. Ad ogni narrazione segue una serie di proposte didattiche che partono dal vissuto del racconto e, utilizzando le strategie cooperative, mirano a far lavorare i ragazzi in modo attivo promuovendo l’interazione. L’apprendimento cooperativo educa alla relazione, prediligendo il lavoro in piccoli gruppi eterogenei. Una modalità didattica che offre agli studenti la possibilità d’incontrare e sperimentare le differenze, nella convinzione che proprio la scuola possa essere il luogo ideale per far crescere quella cultura del confronto e della collaborazione, indispensabili per educare, oggi, le nuove generazioni.

    13,70