Daniele Beltrame. I suoi interessi accademici riguardano la letteratura cinese moderna e contemporanea e in particolare le rappresentazioni letterarie della realtà storico-sociale e dell’immaginario culturale in ambito cinese e in chiave comparativa.Daniele Beltrame

Daniele Beltrame, assegnista di ricerca presso l’Università “Ca’ Foscari” di Venezia dal 2018, ha insegnato lingua e letteratura cinese presso le università di Venezia, di Bergamo e di Verona. Attualmente insegna lingua e letteratura cinese presso l’Università di Verona e letteratura cinese presso l’Università “Ca’ Foscari” di Venezia. I suoi interessi accademici riguardano la letteratura cinese moderna e contemporanea e in particolare le rappresentazioni letterarie della realtà storico-sociale e dell’immaginario culturale in
ambito cinese e in chiave comparativa.

  • (0)

    Modernità, nazionalismo e mascolinità nella Cina del Novecento

    28,50

    di Daniele Beltrame

    La costruzione dello Stato-nazione in Cina fu un complesso mutamento sociale e culturale che si accompagnò, per tutto il Novecento, al contemporaneo progetto politico e intellettuale della modernità. Protagonisti di questo processo furono soprattutto gli intellettuali, che tentavano al contempo di ricostruite le coordinate culturali e sociali dell’identità di genere maschile traducendo questa loro ricerca nella rappresentazione letteraria. La prima parte analizza il passaggio dalla tradizione alla modernità attraverso nuove pratiche e nuovi saperi che condizionarono profondamente anche la mascolinità cinese nella prima metà del Novecento e l’opera di autori quali Yu Dafu e Lao She. La seconda parte è dedicata alla ricostruzione della nazione e dell’immagine maschile nella cultura e nella letteratura cinese dell’epoca postmaoista: il tema della soggettività maschile in questo periodo attraversa le opere di molti autori, fra i
    quali certamente Zhang Xianliang.

    Add to Wishlist